HENRIK SCHWARZ – HOUSE MASTER

HMHS_header_01

 Uno dei pochi produttori di musica elettronica che veramente va oltre quei limiti che arginano invece molti dei suoi colleghi, è Henrik Schwarz. Nato e cresciuto nel sud della Germania si trasferisce a Berlino dopo gli studi nel 1999 per lavorare come graphic designer, ma poi invece, i primi passi nella musica, prima con l’hip hop, il jazz, e la Detroit Techno poi, lo portano a interessarsi alla computer music production, e all’utilizzo di drum machine e sintetizzatori, fino a creare poi la sua label, la Sunday Music. Da qui parte il suo processo musicale, che non racconteremo passo per passo, poiché non basterebbero queste poche righe per descrivere il suo curriculum. Visto le produzioni che ha sfornato negli anni, è sottinteso che Henrik non abbia continuato con il lavoro di graphic designer, ma si è dedicato interamente alla musica e ai lives.

Henrik Schwarz è un artista nel vero senso della parola e “House Master”, album realizzato per la label “Defected”, ne è la sua eredità. L’album comprende 22 delle sue migliori produzioni e remix, come quelli realizzati per Detroit Experiment (“Think Twice”) , per Code 718 (“Equinox”), Omar (“Feeling you”) oltre a un esclusivo remix dei Chasing Kurts (“From The Inside”) che è veramente una favolosa versione deep della più commerciale versione originale. E come non citare il grandioso remix dei The Jackson 5 – “Dancing Maschine” (per chi non li conoscesse i The Jackson 5 erano: Jakie, Jermaine, Tito, Marlon, e il piccolo Micheal destinato in seguito a una fortunatissima carriera solista): un allegro rhythm ‘n’ blues remixato in una più elettronica deep house. Inoltre, tra le 22 tracce dell’House Master, ritroviamo anche “Where we at”, realizzata con i due produttori geniali dell’etichetta Innervision, Dixon e Ame, e con Derrick Carter ai vocals, che diventò un classico, e che sancì l’inizio della collaborazione tra Schwarz e Innervision, che ancora oggi dura. In questa traccia c’è molto dello stile Innervision, con suoni un po’ più scuri, modulazioni di frequenze, giochi di LFO, cassa bella dritta, e con i vocals di Carter che rendono molto particolare questa traccia. Questa di Henrik Schwarz è la ventesima edizione della lunga serie di House Masters della Defected, per celebrare il lavoro di grandi produttori come Louie Vega, Dennis Ferrer, Charles Webster e molti altri. E questa edizione che la Defected ci ha regalato, ne è l’eredità e la grande bellezza di Henrik Schwarz.  

di Simone Zamparini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: